Questo sito utilizza i cookie

Su questo sito utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per cosa li usiamo?
Per permetterti di utilizzare alcune funzionalità del sito, per raccogliere dati statistici anonimi e per fini di marketing. La scelta rimane tua.

Mostra dettagli
Preferenze Cookie
Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Vedi la lista completa
Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima, escludendoli dal consenso dell'utente.

Vedi la lista completa
Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

Vedi la lista completa

Credi ai fantasmi? Vai a Montebello e senti con le tue orecchie il Pianto di Azzurrina

Tingi di mistero la tua vacanza al mare

Credi ai fantasmi? Vai a Montebello e senti con le tue orecchie il Pianto di Azzurrina
Pubblicato il 05 Aprile 2018
Tingi di mistero la tua vacanza al mare...  Basterà percorrere pochi chilometri dal nostro hotel a Bellaria Igea Marina per raggiungere il borgo medioevale di Montebello, meta turistica suggestiva non solo per la vista panoramica che si gode dal colle e la bellezza architettonica del castello, ma soprattutto per il mistero che aleggia in questo luogo.

Guendalina, figlia dei feudatari di Montebello nacque albina, i genitori temendo questa sua diversità, fecero di tutto per tenerla nascosta segregandola nel castello e tentando perfino di tingerle i capelli. La sua chioma bianca candida non prese il colore della tinta, ma acquistò un ancora più insolito riflesso azzurrino, per questo fu poi soprannominata Azzurrina.
Il 21 giugno del 1375 la bambina scomparve nel nevaio della fortezza e non venne più ritrovata. Il fantasma di Azzurrina sembra abbia però continuato a vivere in questo castello, molte sono le cose che lo fanno pensare, dalle orme sul soffitto che vanno scomparendo col tempo al suono dei suoi lamenti.

Ogni 5 anni il 21 giugno si sentono degli strani suoni simili ad un pianto o ad una risata. Durante la visita al castello di Montebello ascolterai le registrazioni di questi suoni e poi forse potrai rispondere alla domanda: CI CREDI AI FANTASMI?
 
La nostra fidata guida Davide ogni mercoledì organizza la visita al castello di Azzurrina, prenota in reception l'escursione!