Questo sito utilizza i cookie

Su questo sito utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per cosa li usiamo?
Per permetterti di utilizzare alcune funzionalità del sito, per raccogliere dati statistici anonimi e per fini di marketing. La scelta rimane tua.

Mostra dettagli
Preferenze Cookie
Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Vedi la lista completa
Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima, escludendoli dal consenso dell'utente.

Vedi la lista completa
Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

Vedi la lista completa

San Leo, vesti i panni di Cagliostro e visita la sua terrificante prigione

San Leo, vesti i panni di Cagliostro e visita la sua terrificante prigione
Pubblicato il 05 Aprile 2018
Forse è il più suggestivo borgo medioevale dei colli romagnoli, tanto affascinate che è stato perfino scelto come set di un film americano con protagonista Bruce Willis! Ma non è soltanto l'architettura a rendere speciale questo castello, bensì la leggenda di Cagliostro che circonda di magia questo luogo.

Catapultato negli anni dell'eresia e dell'Inquisizione della Chiesa, lasciati intrigare dai misteri che avvolgono la figura di Cagliostro, alchimista ed esoterista di origini palermitane, la cui fama raggiunse le principali corti europee, condannato a morte a Roma per eresia nel 1790 e poi graziato da papa Pio IV che lo incarcerò qui a San Leo. Praticamente murato vivo in una cella pozzetto con un'unica apertura sul soffitto e un piccolo lucernaio, morì dopo quattro anni. La leggenda però vuole che Cagliostro, invocata la confessione, abbia ucciso il confessore allontanandosi con i suoi abiti per fuggire… in America. Qualcun'altro invece sostiene che le truppe polacche che conquistarono la rocca nel 1797, trovarono il suo cadavere e, prima di dargli degna sepoltura, ne usarono il cranio come coppa per brindare. Ciò che è certo è che l'alone di mistero che avvolgeva la sua vita non lo ha abbandonato nemmeno dopo la sua morte...
 
Ogni giovedì Davide organizza la visita alla rocca di San Leo, non perdere l’occasione di visitare uno dei borghi più belli d’Italia!